On the road

By-pass road Beer Sheva – colonie nell’area a sud di Hebron. Io e Khalil camminiamo veloci. Sono le 4 del pomeriggio, manca poco al tramonto. Devo tornare a Betlemme e la strada è ancora lunga soprattutto se non troviamo un passaggio fino al villaggio da dove partono i mezzi pubblici. La auto che passano sono poche, è sabato, il check-point a sud, che porta a Beer Sheva, è deserto, nessuno lavora di Shabbat, non ci sono lavoratori palestinesi di ritorno verso casa.

Si avvicina una camionetta dell’esercito israeliano, accosta, si ferma. Esce un soldato, armato, parla arabo – “è un beduino che si è arruolato. Lo conosco” mi dice Khalil. Mi chiedono il passaporto, a Khalil la carta d’identità. Parlo in arabo, dico che vivo a Gerusalemme, che mi trovo nelle colline a sud di Hebron per vedere la situazione. Un altro soldato si avvicina, in inglese mi chiede se sono felice così, se ci sono dei problemi con Khalil. “Beseder, beseder (tutto bene, in ebraico)” rispondo.

Ora che sanno che non sono in pericolo ripartono. Ridicoli.

Poco dopo troviamo un passaggio: due simpatici ragazzi palestinesi, l’anziana madre, bella, dagli occhi azzurri lucenti. 100 uova e venti pecore.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...