A pochi passi dalla Siria

Damasco 60 chilometri. Gerusalemme 240. Sono sulla cima del monte Bental, a 1156 metri di altitudine, nel Golan siriano occupato e mi affaccio verso la Siria da un vecchio bunker siriano costruito sulla cima di un vulcano estinto. Davanti a me si estende la verdeggiante pianura siriana, e in lontananza, si intravedono alcune alture…..mi piace immaginare che siano i monti alla porte di Damasco. Sono vicina, vicinissima. Solo un anno fa mi trovavo in questa favolosa città, scoprivo un mondo nuovo, dentro e fuori di me. Poi improvvisamente tutto è cambiato. Appena sono partita, in Tunisia hanno iniziato ad esserci le prime proteste. Poco dopo la “primavera araba” si è spostata all’Egitto. E da marzo è stato il turno della Siria, di un popolo nato e cresciuto sotto la dittatura. Da quel momento è stato davvero difficile capire cosa stava succedendo nel paese, i miei amici sono partiti, gli internazionali hanno cambiato meta e i siriani che conoscevo sono riusciti ad ottenere borse di studio in Europa. Chi è rimasto mi descrive – sempre in maniera confusa e frammentata – una Siria che non riconosco, in cui il tabù della politica si è infranto, in cui il sogno per la libertà e la democrazia si è subito trasformato nell’incubo di una manipolazione da parte delle potenze occidentali. Assad uccide, è vero, ma che succederà se la Siria risponderà ai diktat americani? Che conseguenze ci saranno dal punto di vista politico, e soprattutto, economico?

Osservo l’armonioso e silenzioso paesaggio che si estende verso nord-est dalla cima del monte Bental e non mi sembra possibile che proprio nella Siria che ho amato e che pensavo di aver in parte capito e conosciuto stiano avvenendo eventi così gravi e preoccupanti. Che succederà nei prossimi mesi? Gli scontri armati tra l’esercito di Assad e i rivoluzionari aumenteranno? Il paese sprofonderà in una guerra civile? Osservo la campagna siriana e penso che un giorno non tanto lontano vorrò far ritorno in quella terra per vedere con i miei occhi quello che è avvenuto…

Linea di confine e campagna siriana

La Siria, da una postazione militare siriana
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...