Demolizioni, vicino alle famiglie

Un’altra demolizione nel villaggio di Fasayil. Mi è arrivato un messaggio questa mattina, mentre ero a Beit Sahour. Sono subito andata da Abu Nahar, il proprietario delle tende che i bulldozer israeliani hanno demolito. E’ la quarta volta in meno di un anno. Sono arrivata poco prima dell’una, quando un’afa soffocante avvolgeva il villaggio. Gli uomini erano sotto l’unica tettoia rimasta in piedi – che oggi ha ricevuto un ordine di demolizione – distesi su alcuni materassi impolverati, ci hanno inviato ad unirci al pranzo. Le donne poco più lontane, sotto un albero, con i bimbi piccoli in braccio. Venti persone senza un tetto dove dormire, 16 bambini, tutti al di sotto dei 18 anni. Mi è piaciuto stare là con loro, cercare di dormire nelle ore più calde, con l’ombra della tettoia che si spostava velocemente, costruire con loro le tende che la Mezza Luna Rossa ha portato. Assieme a chili di riso e fagioli. “Non abbiamo problemi di soldi” ci ha detto Abu Nahar – qui il problema è l’occupazione. Che me ne faccio dei fagioli?”. Siamo stati con loro fino a sera, abbiamo giocato coi bimbi, piantato pali, picchetti e tende, e condiviso una buonissima cena beduina a base di riso e pollo – tanto per cambiare. C’era un’atmosfera rilassata, di assurda normalità. Mentre noi cercavamo di recuperare stoffe e pali delle tende distrutte, le donne issavano un’altra tenda cucendo diversi teli ed appoggiandoli su alcuni bastoni. I bambini giocavano lì vicino, sui materassi colorati, inseguendo le pecore e rincorrendosi vicino alle macerie. Ed anche a me questa volta, è sembrato tutto normale. Per fortuna lo sguardo sconvolto e preoccupato della mia coinquilina, da poco in Palestina, mi ha riportato alla realtà, all’anormalità della situazione palestinese, alla brutalità dell’occupazione israeliana. Chissà cosa staranno facendo quelli che stamattina hanno demolito le tende di queste due famiglie senza nessuna esitazione né rimorso.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Una risposta a “Demolizioni, vicino alle famiglie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...