A caccia di banane

Ancora Valle del Giordano. Ultimi ricordi. Pochi giorni prima di lasciare al-Jiftfik, il tanto atteso bus si è materializzato. Un pulmino Volkswagen del 1971, senza targa, rumoroso e scassato. Bellissimo.Il nostro amico Fathy lo guida in maniera sportiva ma non riesce a superare gli 80 km/h. Anche la radio che si vanta di aver riparato non funziona. Ecco che prende una strada che conduce alle terre agricole di una colonia israeliana dove si producono banane. E’ sabato pomeriggio, non c’è nessuno, a parte un custode palestinese. “He is a good man” ci dice tranquillo Fathy. Qualche curva veloce e ci ritroviamo circondati da piantagioni di banane. “Prendete più che potete. Questo non è rubare, è riprendere ciò che è nostro”.Torniamo a casa con un pulmino pieno di caschi di banane, penso con più di 100 chili. “Se ci fermano i soldati, dite che è cibo per il cammello”. Per nulla credibile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...