Immagina…

Immagina di essere un contadino. Di avere delle terre agricole. Di lavorare con la tua famiglia nei campi. La vostra sopravvivenza dipende da ciò che la terra produce. Riuscite persino a vendere parte dei vostri prodotti ortofrutticoli, non solo nel paese dove abitate ma anche nelle principali città della regione. Facciamo finta che siate in Liguria. Un giorno viene decisa la costruzione di un muro grigio di cemento alto 8 metri. Il muro dovrebbe sorgere lungo la linea di confine con la Francia. Ma la vostra terra è ricca di risorse naturali e di fonti idriche e così chi costruisce il muro decide di penetrare nel vostro territorio e di portarvi via parte delle vostre terre. Davanti a casa non ci saranno più le vostre terre – intrappolate tra il muro e il confine – ma una barriera di cemento che non vi permette di vedere al di là. Ed ecco che inizia il sistema dei permessi. Per accedere alle vostre terre dovete richiedere un permesso. Tuttavia sono solo pochi i fortunati che lo ottengono. Agli altri viene rifiutato per “motivi di sicurezza”. Il sistema non è difficile da capire: per i giovani uomini dai 18 ai 40 anni è molto difficile ottenere il permesso. Di conseguenza vi manca la manodopera. I vostri figli non possono accedere alle terre, son costretti a cercarsi un lavoro al di là del muro. I lavoratori nel paese che potresti pagare per raccogliere la frutta nei tuoi campi non hanno il permesso. Rimani da solo, se sei fortunato e riesci a passare al di là. Ti aiuta tuo fratello, se non è troppo anziano, tua moglie, e qualche lavoratore occasionale che dopo mille tentativi è riuscito ad ottenere quel prezioso pezzo di carta. So che lo sai già, ma il permesso che hai non ti permette di andare in Francia, anche se tra le tue terre e il territorio francese non ci sono confini né controlli. Ma sai bene che se ti prendono mentre stai facendo shopping a Parigi, come minimo ti verrà ritirato il permesso per accedere alle tue terre. Oppure passerai qualche giorno in carcere. So che sai già anche questo, ma se qualche persona del tuo villaggio ha un permesso per la Francia, non può accedere alle tue terre. O meglio, può accedere perchè una volta arrivato in Francia non c’è nessun controllo per arrivare da te, ma ancora una volta, se lo prendono, come minimo perde il permesso di entrare in Francia. Ti stai chiedendo come fai ad accedere alle tue terre una volta che hai ottenuto il permesso? Ora ti spiego come avviene: non puoi accedere in auto. L’unica cosa che puoi portare con te è il tuo trattore e qualche strumento da lavoro. Ma attento, ricorda le “misure di sicurezza”. Niente pesticidi, niente fertilizzanti. Sai com’è ma potresti usarli per fare delle bombe. Dici che senza questi prodotti è molto più difficile coltivare la tua terra? Te lo ripeto ancora una volta: motivi di sicurezza. Comunque ti stavo spiegando come puoi passare al di là. Devi passare questo posto di blocco. Ci sono dei metal detector e delle perquisizioni approfondite su di te e sul tuo trattore. Si, ogni giorno, ogni volta che passi. Misure di sicurezza. Ah dimenticavo: il posto di blocco è aperto solo tre volte al giorno, per entrare ed uscire. Dalle 6 alle 7 di mattina, dalle 12:30 alle 13:30 e dalle 16:30 alle 17:30. No, non puoi dormire nelle tue terre, o meglio,devi avere un permesso speciale. Perchè???? Motivi di sicurezza, non farmelo ripetere ancora.

Questa è la storia di Abu ‘Azzam, contadio palestinese del villaggio palestinese di Jayyous, vicino alla città di Qalqilyia. Questa è la storia di migliaia di palestinesi chiusi in Cisgiordania, separati e derubati delle loro terre agricole.

*Mi dispiace per il paragone per niente appropriato tra Francia ed Israele, è solo a titolo di esempio per cercare di rendere il tutto più vicino ad una realtà tangibile a chi in Palestina non ci è mai stato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...