Al checkpoint 1

h 9 – Checkpoint di Betlemme – un giorno come gli altri

Una lunga coda di persone in attesa. Davanti a me un signore anziano. Basso di statura, magro, kufiya rossa in testa. “Ho un appuntamento all’ospedale alle 10”. Siamo bloccati, la gente continua ad arrivare ma i tornelli non vogliono aprirsi. “Come faccio? Come faccio?” continua il vecchietto. Ed ecco che decide di passare avanti, sorpassa 4-5 persone davanti a lui. “Sono malato, sono malato, devo andare in ospedale a curarmi” si giustifica. Un giovanissimo ragazzo a cui è stato preso il posto lo guarda con rabbia. “Anch’io sono malato, anch’io devo andare in ospedale”.

“Mostrami il permesso” gli chiede il vecchietto.

“Eccolo qui”. Tira fuori il permesso e glielo sbatte in faccia. “Sono malato, sono malato, contento?”.

“Siamo tutti malati, siamo un popolo malato. Guardate in che condizioni ci tocca vivere”, esclama un signore, anche lui in attesa.

Annunci

Una risposta a “Al checkpoint 1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...