Post-demolizione

L’ho già visto da qualche parte, anche se non ricordo dove. Ha gli occhi tristi, lo sguardo sconsolato. Il suo nome è Ayman, è padre di 5 figli, tutti di età inferiore ai 7 anni, ed è un contadino originario del villaggio di Al-Jiftlik, nella Valle del Giordano. Lo incontro, ancora sconvolto, tra le macerie della sua casa, mentre cerca di costruire una sorta di tenda per la notte.

Sono arrivati questa mattina alle 9 e hanno demolito la mia casa, quella di mio fratello e anche una baracca per animali” mi racconta. “Ero al lavoro quando ho ricevuto la notizia. Son tornato qui e ho trovato i figli in lacrime e le pecore sparse ovunque. E’ la seconda volta in un anno che l’esercito israeliano mi demolisce la casa. Questa primavera, a marzo, si è ripetuta la stessa identica cosa”.

Ed ecco che capisco tutto, che per un attimo rivivo quel terribile giorno di marzo quando, per la prima volta nella mia vita, ho visto la mia “prima demolizione”.

Ricordo la crudeltà del gesto, la mia difficoltà nel fotografare, nel narrare, nel parlare con le persone. Mi ricordo di Ayman, che impacciato e scioccato, si era avvicinato alle macerie della sua casa assieme ai figli e aveva cercato di sorridere davanti ai fotografi.

Casa demolita ad al-Jiftlik (14.03.2012)

Ed ora per Ayman si è ripetuta la stessa identica tragedia. L’esercito israeliano ha demolito nuovamente la sua casa che aveva ricostruito con tanto sforzo prendendo in prestito 20.000 shekel (equivalente di 4000 euro). Una politica, quella delle demolizioni, che ormai per Israele è diventata pratica quotidiana. Pochi giorni prima, sempre nella Valle del Giordano, un intero villaggio, Hammamat Al-Maleh, era stato raso al suolo.

Che ne sarà di me ora? Tutti vengono qui, mi fotografano e mi promettono aiuto…ma da marzo nessuno mi ha aiutato, mi son dovuto ricostruire tutto da solo, ed ora, nuovamente, devo ricominciare”.

E i bambini come stanno? Dove sono?” gli chiedo

“Sono dai vicini, stanno bene, ridono, giocano. Per fortuna ci sono i bambini. Hamdulillah”. Sorride.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...