Via

dahab

L’addio alla Palestina non è stato difficile. Fino all’ultimo – e tutt’ora – non son riuscita a rendermi conto che partivo. Ho salutato i miei amici solamente con un abbraccio più lungo e forte del solito, forse con un arrivederci ad un dove e un quando non ancora definiti, ma in ogni caso con un arrivederci. Nessuna lacrima, nessun dispiacere, solo in viaggio verso Eilat e poi verso il Cairo, un po’ di emozione e smarrimento, ma niente di più. Anzi, per alcuni attimi ho sentito una sensazione di sollievo, come se fossi uscita da una prigione, come se mi fossi tolta un macigno. Rimane il fatto che non mi rendo conto di essere partita, di aver lasciato quella che fino a qualche giorno fa era la mia vita. Per cosa? Per andare dove? Queste sono domande a cui non so ancora dare risposta, ma in qualche modo sento che ora avevo estremamente bisogno di questo, di allontanarmi da quella realtà così assurda ed anormale, che per tutti noi era diventata la nostra quotidianità.

Ed ora la Palestina mi sembra lontana e distante…

Annunci

2 risposte a “Via

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...