Cairo, primo giorno – bilancio

moschea al-Azhar

Città: Cairo

Stato d’animo: spensierata e felice

Bilancio del giorno: più che positivo

Nuove parole: in dialetto egiziano “voglio” non si dice “biddi”, bensì “’aiza”

Incontri del giorno: un signore di mezza età con tre passaporti – egiziano, svizzero, tedesco – che parlava sei lingue diverse tra cui l’italiano, che voleva cambiarmi i soldi al mercato nero per avere un tasso vantaggioso, che mi ha dato 1 pound egiziano da dare come elemosina ad una siriana e che mi ha praticamente costretto a bere un succo ed un te; un ragazzo di 25 anni che mi ha costretto a bere una Sprite e mi ha raccontato la storia della sua vita nel suo incomprensibile accento – non ho nemmeno capito in che città vivesse; un signore all’interno della moschea di al-Azhar che ha cercato di convertirmi all’islam. Per fortuna nessun tè offerto.

Nuove esperienze: bere un succo di arancia dentro un sacchetto di plastica – un po’ scomodo; passeggiare per piazza Tahrir – niente di speciale; respirare l’aria di una delle città più inquinate del mondo – rinvigorente.

Cibo: decisamente troppo

Annunci

Una risposta a “Cairo, primo giorno – bilancio

  1. beh, oggi un raro post con il sorriso. Te ne auguro tanti. Città con tanti problemi sicuro, ma credo senza la cappa scura di quelle strazianti demolizioni e degli snervanti check point.
    che sia un ottimo proseguimento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...